Arezzo 2 - 1 Pontedera

pontcarra16
4 October 2017 - 20:30 at Stadio Città di Arezzo Arezzo(AR)


 

 

 

 



 

Si è chiuso poco fa il match toscano del “Città di Arezzo” tra Arezzo e Pontedera, valida per la 7^ giornata del Girone A: 2-1 il finale.
Un primo tempo che vede gli amaranto in sostanza dominare, dopo un avvio equo che è però presto spezzato. Dal 16′, infatti, quando Contini è bravissimo a deviare in corner un violento tiro di Foglia sul palo alla sua destra, è un soliloquio amaranto, con la formazione di Pavanel che 2′ dopo colpisce una traversa con l’incornata di Cenetti. Al 25′ altra grande occasione per i padroni di casa: Borri salva la sua porta da un cross insidioso di Talarico, mandando la palla in angolo, ma dagli sviluppi, Moscardelli prende la traversa, mentre Di Nardo sulla ribattuta manda alto. E al 38′ la svolta: errato passaggio di Pesenti a metà tra il cerchio di centrocampo e l’area di rigore, Moscardelli si avventa sul pallone, supera tutti gli avversari e chiude in porta con un diagonale nell’angolino che non lascia scampo a Contini.
Nella ripresa, però, pochi secondi dopo il via, Calcagni prova a segnare la rete del pari, e al 9′ un gol c’è, ma è nuovamente per l’Arezzo: dagli sviluppi di un corner ben piazzato in area, Varga salta più alto di tutti, e manda l’incornata a lato di Contini. Al 28′ timida reazione granata: Caponi dalla distanza prova un tiro che va a scendere avvicinandosi alla porta ma termina poi fuori. Al 45′ proprio Caponi, da posizione defilata, mette in mezzo la palla a pochi passi dalla porta, dove Pesenti si avventa trovando il giusto varco e accorciando le distanze: ma è ormai tardi.
Ecco i migliori e i peggiori del match:

TOP

Talarico (Arezzo): alla fine tutta la squadra è autrice di una buona prestazione, ma l’esterno spicca su tutti per dinamismo e propositività. Sulla fascia destra sono buone le proposte del calciatore, bene sia in fase di copertura che in quella più avanzata: macina chilometri, ma lo fa con criterio. SPIGLIATO

Pesenti (Pontedera): è vero, il primo gol dell’Arezzo nasce per un errore suo – che costa molto caro ai suoi – ma cosa si può dire a questo ragazzo che ha il merito di crederci fino in fondo e di stare in ogni dove del campo? Anzi, probabilmente è proprio l’eccesso di responsabilità che si prende, da vero leader, a fregarlo, ma il carisma porta anche a questo. Copre ogni singolo millimetro di campo, sprona la squadra, consiglia i compagni: se alle volte pecca negli ultimi metri, per fatica, non si può certo fargli una colpa. DETERMINATO

FLOP

Nessuno tra le fila dell’Arezzo: rigenerata la squadra di Pavanel, ben disposta nel 3-5-2 che sta dando i suoi frutti. Tutti fanno la loro parte, si vede una squadra combattiva che ha voglia di fare, e che sta avendo sempre meno dipendenza dal singolo Moscardelli: che rimane elemento principe, ma ha intorno a sé un insieme che ora gira. RINVIGORITI

La sfortuna che sta colpendo il Pontedera: non sarà la prova del secolo quella dei granata, ma la squadra non gioca neppure male come potrebbero far pensare i recenti risultati. Il problema forse sta più nella testa dei ragazzi, scoraggiati da questo momento down dove la ruota non sta girando per come deve. NON MOLLARE

Fonte:Claudia Marrone www.tuttolegapro.com

Risultati Pontedera offerti da Livescore.it