Pontedera-Livorno 2-3

pontederalucchese2016
1 ottobre 2017


 

 

 

 



 

Pontedera-Livorno 2-3

Finisce 2-3 il derby tra Pontedera e Livorno, giocato quest’oggi al Mannucci. Una partita divertente, che può dare molti spunti agli addetti ai lavori su quale potrà essere il destino finale di queste due squadre. Il Livorno parte arrembante ma perde certezze di fronte alla disposizione tattica degli uomini di Maraia, che bloccano colpo su colpo e si fanno trovar pronti in contropiede. Il gol del vantaggio Pontederese, arriva un po’ a sorpresa grazie ad una punizione di Caponi respinta da Polidori e ribattuta in rete da Calcagni.
Nel secondo tempo il Livorno non riesce a trovare le giuste geometrie. Non prima dei cambi. Il Pontedera raddoppia con una grande azione in contropiede, in cui Posocco, dopo un velo di Pesenti riesce ad infilare Polidori dal limite dell’area. Ci vorrà un miracolo per portare al Livorno i tre punti. E quel miracolo si chiama Murilo, chiamato in causa nel secondo tempo ed autore di una magnifica tripletta.
Vediamo dunque chi sono i migliori ed i peggiori del match.

TOP:

Pesenti (Pontedera): non segna, ma tiene da solo il reparto con ottimi duelli fisici contro i difensori avversari Pirrello e Gasbarro, oggi messi in difficoltà dalle iniziative di questo centravanti. Sul secondo gol del Pontedera è il suo velo per Posocco a permettergli la rete. Oggi il Pontedera ha subìto un castigo sicuramente demoralizzante, ma la sua presenza in campo, senza dubbio, sarà il perno su cui cominciare la risalita della china. CERTEZZA

Mendes Murilo (Livorno): tre gol. Tre gol che non rappresentano soltanto un castigo impietuoso per il Pontedera in un derby. Sono anche tre gol che rappresentano, in tutto e per tutto, una delle tante risorse stagionali del Livorno: Mendes Murilo Otavio. Tre gol, che arrivano dopo una partita tutt’altro che facile per il suo Livorno. Imbrigliato, ad un certo punto, non solo nel risultato ma anche nella manovra. È suo il merito principale di questa rimonta. Dopo di lui, però, vanno assolutamente menzionate per il Livorno: Tenacia, capacità di crederci, e Montini, anche lui protagonista odierno. RISOLUTORE

FLOP:

La sfortuna del Pontedera: chi vi scrive non patteggia certamente per il Pontedera. Ma oggi chiunque, sapendo da dove questa squadra arrivasse (parliamo di una formazione che in 5 partite ha collezionato 3 sconfitte e 2 pareggi) e vedendo cosa fosse stata in grado di mettere in campo, contro la prima formazione del girone, dicevamo dunque che chiunque oggi, fino al minuto 74, vedendo cosa fosse stata in grado di fare avrebbe patteggiato proprio per loro. Il Pontedera gioca probabilmente la miglior partita del suo campionato. E perde. Potremmo parlare di mancanza di concetrazione di questo o quel giocatore che ha determinato il risultato. La realtà è che oggi non s’è visto prevalere nessuno, in negativo, rispetto ad un altro. Il Livorno, pur vincendo, non ha certamente dominato. Tanto nel primo, quanto nel secondo tempo. SFORTUNATI

La difesa nel Livorno: c’è stato un momento nella partita, e curiosamente tutto ciò è avvenuto proprio prima della rimonta (guardacaso, avviene spesso nella storia del calcio) in cui il Pontedera, chissà, magari avrebbe raggiunto anche il 3-0. Non è stata proprio una grande prestazione corale del Livorno. Tante le distrazioni,manovra sterile, ed in generale la sensazione che qualcosa vada sistemata. In particolare ci è sembrata particolarmente incerta la difesa. Pesenti si diverte (o si impegna molto, fate un po’voi) a mettere la schiena, il fisico, per cercare di creare scompiglio. Ne fanno le spese Gasbarro e Pirrella. Pregasi vedere l’azione del secondo gol. INSICURI

Fonte:Gabriele De Bartolo www.tuttolegapro.com

Risultati Pontedera offerti da Livescore.it



 

 

 

 



 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>